10 componenti essenziali per diventare Agile

Nei Paesi Baschi, l’azienda K2K Emocionando ha trasformato con successo 70 organizzazioni tradizionali facendole passare dal convenzionale paradigma di predizione e controllo a fiorenti organizzazioni Agile autogestite.

Il tempo medio per una trasformazione Agile, secondo K2K, si svolge in un periodo di tre anni. Periodo durante il quale una organizzazione convenzionale, gerarchica e ingessata nelle sue procedure, trasforma la sua struttura manageriale basata su predizioni, controllo, target e budget in una organizzazione Agile in cui governano la trasparenza, la responsabilità condivisa e la partecipazione agli utili.

Naturalmente prima ancora di iniziare il processo di trasformazione viene chiesto ai dipendenti se vogliono affrontarlo. I miglioramenti di queste aziende sono evidenti e si possono misurare nella redditività, nella soddisfazione dei clienti e dei dipendenti, nella produttività, nel basso livello di turn over dei dipendenti, nel basso tasso di assenteismo, nella crescita e capacità di innovazione.

Ma visto i risultati ottenuti come si trasforma un’organizzazione convenzionale in una organizzazione Agile?

Scarica l’infografica dei 10 componenti essenziali

per diventare Agile

Ecco 10 componenti essenziali per il successo:

  • Trasparenza radicale

La trasparenza è essenziale a tutti i livelli e permette di conquistare la piena fiducia delle persone. Ovviamente per poter mostrare le informazioni ad ogni livello occorrerà formare le persone a comprendere e leggere certe informazioni, in particolare quelle finanziare.

  • Nessuna anarchia

Diventare un’organizzazione Agile significa adottare il paradigma di autonomia condivisa, ovvero portare le decisioni e il controllo al livello operativo.  A questo punto cosa servono i manager che vengono dal paradigma convenzionale il cui assunto è che in una organizzazione vi è chi decide e chi esegue le decisioni? Non si tratta di mandar via i manager ma di cambiare il loro lavoro da Boss a Facilitatori. Naturalmente occorre prepararli.

  • Team auto-organizzati

Il passo fondamentale di una trasformazione Agile consiste anche nell’eliminare i silos per costituire team cross-funzionali auto-organizzati responsabili del processo end to end. Naturalmente si inizia sempre con un progetto pilota, una sperimentazione, e si scala dopo che si è imparato a farla funzionare.

  • Nessun privilegio

Attenzione a walk the talk, le persone credono a ciò che vedono non alle dichiarazioni altisonanti che non sono coerenti con i comportamenti. Nessun privilegio significa eliminare tutti i privilegi fin dal primo giorno: parcheggi riservati, sale da pranzo executive, uffici chiusi, bonus o incentivi.

  • Compensazioni equilibrante

Quando viene comunicata la nuova struttura dei team vengono comunicati anche i nuovi livelli dello stipendio. Per ridurre il divario, i salari straordinari e quelli più bassi vengono eliminati. Nessuno si trova lo stipendio abbassato. 

  • Nessun controllo

Il team si autogestisce per risolvere problemi di comportamento inappropriato. Nessuno lavora ad ore ma ad obiettivi. Tutti sono autorizzati a commettere errori, errori da cui potranno imparare (altrimenti come potrebbero sperimentare?)

  • Misura tutto

La misurazione e il monitoraggio basati sui dati scelte in risposta all’utilizzatore finale sono di fondamentale importanza per i team che lavorano per raggiungere i loro obiettivi. Il controllo è quindi lo strumento chiave in mano ai team e mai una forma di controllo che viene dall’alto.

  • Condivisione delle decisioni

I team, soprattutto all’inizio, devono apprendere come prendere le decisioni condividendole all’interno del team durante specifiche riunioni time-boxed. Ecco 4 suggerimenti sulle domande significative da porsi per prendere decisioni:

  • Sarà meglio di prima? (Pensare a lungo termine)
  • Possiamo spiegarlo a tutti? (È trasparente o no?)
  • Chiunque sia interessato dalla decisione e chi ha conoscenze rilevanti e importanti è stato coinvolto o consultato?
  • Se ci mettessimo nei panni di coloro che subiranno un impatto, prenderemmo la stessa decisione?
  • Nessun licenziamento

Nessuno viene mai stato licenziato durante queste trasformazioni. É un principio di minima sicurezza per creare un ambiente di sicurezza psicologica in cui rendere possibile la trasformazione. Naturalmente i ruoli cambiano. La cosa importante è focalizzare tutti sulle attività che creano valore per eliminare tutte quelle superflue tipiche delle burocrazie delle organizzazioni convenzionali.

  • Condividere i profitti con tutti

La condivisione è importante anche rispetto agli utili. Utili che tutti conoscono per via della trasparenza adottata. É opportuno quindi anche condividere i criteri di ripartizione senza privilegi e normalmente le organizzazioni Agile condividono il 30% degli utili tra tutti i dipendenti. 

Perchè un’azienda dovrebbe diventare Agile? Quali sono i benefici che può trarre? Ecco l’elenco di 11 buoni motivi per farlo.

Differenze tra organizzazioni che adoperano paradigmi diversi: questa ricerca si è posta come obiettivo di trovare aziende che sono capaci di crescere del 5% l’anno almeno.

Nessun commento

Pubblica un commento