Tutto quello che c'è da sapere sulla formazione Agile aziendale

Che cosa occorre considerare per scegliere la formazione Agile adeguata per la propria organizzazione? Quali benefici devono averne persone, team e organizzazioni? Quali approcci hanno maggior successo?

Compiere una scelta quando si tratta di innovare la propria azienda non è facile. Tra la scelta dei costi da allocare e a quale scuola di pensiero affidarsi ci sono alcuni punti importanti da tenere in considerazione.

 

Le quattro aree di investimento

Una buona formazione Agile ha la caratteristica di agire su quattro aspetti principali:

Cultura

È il punto di partenza e l’aspetto più sottovalutato. L’approccio convenzionale infatti pensa che Agile sia una metodologia come un’altra e che sia sufficiente impararla ed implementarla. Non funziona così!

In Italia le organizzazioni che hanno iniziato ormai da qualche anno un approccio Agile partendo dalle metodologie sono diverse e, sapendo che le organizzazioni che sono partite dal Mindset Agile hanno impiegato circa 3 anni a diffondere Agile in tutta l’organizzazione, i risultati sono facilmente visibili. Il punto è questo, inserire un metodo Agile in un team migliora le performance del team col tempo, ma se non cambia la struttura organizzativa e di conseguenza la cultura organizzativa i benefici sono risibili.

Se c’è quindi un requisito che la formazione Agile deve avere è quello di trasmettere alle persone che per essere Agile non si può applicare un copia e incolla di una metodologia Agile. Occorre avere una visione dell’organizzazione come sistema ed agire sul sistema per produrre risultati significativi. Ogni team e ogni azienda trova il proprio modo, unico, di essere Agile.

 

Persone

Potete sempre copiare i processi di un’azienda di eccellenza nel vostro settore ma non sarete mai in grado di ricreare le interazioni tra le persone. Il processo è fondamentale, se le persone che ci lavorano sono in grado di cambiare le attività e migliorarle costantemente.

Per fare questo devono creare un proprio modello operativo di interazione tra di loro. Questo è il vero cuore del mindset Agile e il lavoro principale quando si approccia Agile. I risultati? Rapidità, adattamento, evoluzione, innovazione, collaborazione, creazione di valore per il cliente finale, responsabilità, autonomia, crescita. Le persone possono cambiare comportamenti se possono cambiare il modo in cui lavorano, quindi se possono cambiare i processi.

 

Processi

I processi sono protagonisti quando si tratta di portare valore al cliente finale nel più breve tempo possibile. Le organizzazioni non possono più pensare di replicare i migliori processi del leader di settore per avere successo. La chiave del successo oggi ha un nome: sperimentazione, ogni organizzazione deve inventarsi il proprio modo di fare business sperimentando e apprendendo. Occorre avere una visione sistemica end to end della filiera di processi per portare valore ai clienti finali. Solo team responsabili end to end sono in grado di creare valore al cliente finale. Questo significa team multifunzionali che lavorano al di fuori dei silos dipartimentali e si organizzano intorno a piattaforme o forme di comunicazioni rapide tra di loro.

 

Strumenti

Quando le persone hanno capito che cosa vogliono e di cosa hanno bisogno cambiando i processi allora iniziano a cercare gli strumenti tecnologici di supporto di cui hanno bisogno. Oggi le tecnologie abbondano, spesso a buon mercato, la vera difficoltà è selezionare e sperimentare quelle che portano risultati e fanno fare all’organizzazione un vero e proprio salto qualitativo.

La digitalizzazione ha potenziato enormemente le interazioni con i clienti diventando il principale mezzo di scambio. Le interazioni con i clienti permettono di raccogliere una grande quantità di dati che forniscono informazioni preziose sui bisogni dei clienti, quindi come innovare prodotti, servizi e modello di business e su come dovranno essere le prossime interazioni con loro. Questo significa che l’organizzazione deve essere estremamente adattiva e deve poter cambiare rapidamente strategia, struttura, processi, ruoli, competenze e anche tecnologie. Quindi per poter usufruire appieno delle opportunità che le tecnologie ci offrono l’organizzazione deve essere pronta a riscrivere ogni giorno le proprie regole fondamentali per rendere adattivi i propri processi.

 

Quale approccio alla formazione utilizzare

Dopo aver visto quali sono gli aspetti fondamentali della formazione Agile occorre farsi un’idea di come iniziare. 

Il suggerimento è quello di iniziare con un progetto pilota di sperimentazione Agile.  Un progetto pilota viene supportato attraverso un Agile Coach esterno che supporta il team periodicamente durante il percorso. Il suo scopo è quello di rendere autonomo il team. Un progetto pilota Agile non può durare più di sei mesi.

In questo modo un’organizzazione minimizza i rischi, i costi, apprende come implementare Agile nella propria realtà, crea un modello operativo proprio che potrà utilizzare per fare Scale up, ha un team preparato che può contribuire alla diffusione del mindset Agile. A questo punto può preparare Agile Coach interni, se decide di proseguire equi saranno i risultati ad aiutare la decisione. Approfondisci come avviene una sperimentazione con un Agile Coach esterno.

Pubblicato da Ilaria Biumi il 31 gennaio 2021
Cercami su:

Iscriviti al nostro blog!

Ultimi articoli

New Call-to-action